Storie scoperte // Studio Medico dr. Paolo Maggioni

di Laura Pfaiffer

Fotografia di Chiara Arrigoni

Le Storie Scoperte sono ambientate nello studio del dr. Paolo Maggioni e, in questa cornice insolita, raccontate dagli artisti Isabella Mara, Ylbert Durishti, Elena Modorati e Giancarlo Norese. Lo studio di un medico di famiglia evoca l’attesa e da questa Giancarlo Norese ha tratto una riflessione sulla qualità dello spazio, così le sedie della sala d’aspetto si trasformano regalando movimento e leggerezza. È un’opera che rende omaggio alla bellezza generata dagli oggetti trovati per caso e al “falso trattato di estetica” del filosofo Benjamin Fondane. L’attesa può essere anche quella per una lettera, come nell’opera di Isabella Mara che, con un delicato collage tridimensionale, celebra l’amore e lo scambio epistolare tra Albert Einstein e una ragazza di Pavia. Mentre ci si chiede se sia vero o solo leggenda molte altre domande scorrono sui muri dello studio, piccoli dispositivi led ridanno vita a domande trovate. Da “perché non alberiamo l’autostrada?” per un mese Ylbert Durishti raccoglie e chiede ad amici d’inviargli tutte le domande graffite su muri nelle quali si sono imbattuti; molte sono state reperite nei bagni e così anche il bagno dello studio diventa spazio espositivo. Il led scorre e rende parziale e legata al tempo la lettura, anche le parole nelle opere di Elena Modorati scompaiono e appaiono, ma qui mutano in base alla percezione di chi guarda. Fogli di carta ricoperti da uno strato di cera che crea un perenne divenire di parole che affiorano o vengono celate. La cera è come una membrana tra noi e il mondo, tuttavia questa non vuole rappresentare un limite, piuttosto un punto d’incontro.

 

INFO:
Studio medico dr. Paolo Maggioni
via Eugenio Villoresi, 6
con Isabella Mara, Ylbert Durishti, Elena Modoarti e Giancarlo Norese
Questo sito web utilizza i cookie e chiede i tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione.